venerdì 16 ottobre 2015

Lotta al Digital divide e Wi-Fi, è Milano la prima smart city d’Italia

Sono Milano, Bologna e Firenze le città più smart d’Italia. A stilare la classifica delle città sul fronte dell’innovazione e della qualità della vita, analizzando 106 comuni capoluogo sulla base di 150 indicatori statistici, ICity Rate 2015, indagine annuale realizzata da Forum Pa con la collaborazione di Openpolis e presentata a Smart City Exhibition di Bologna. La classifica è stata stilata incrociando i dati di sette categorie: economia, vivibilità, ambientepopolazione, mobilitàbuon governo e legalità.

Al quarto posto della graduatoria, dietro Firenze, Modena, seguita da Venezia, Parma, Reggio Emilia, Trento, Padova e Trieste a chiudere la top ten. Modena è anche quarta per la cura dell’infanzia, terza per l’assistenza degli anziani, quarta per ciclabilità, terza per partecipazione elettorale, quarta per propensione all’associazione.

Guardando nel dettaglio delle 7 categorie, in economia primeggiano Milano, Bologna e Roma mentre per vitalità il trio di testa riguarda Milano, Bologna e Parma. Quanto all’ambiente, tocca a Trento, Mantova e Belluno posizionarsi ai vertici e a Venezia, Brescia e Bologna sul fronte della mobilità. Quanto a popolazione o capitale sociale, in testa ancora Milano seguita da Bolzano e Firenze mentre sul versante del buon governo svetta Firenze seguita da Bologna e Torino. Sulla legalità, infine, vanno sul podio Aosta, Reggio Emilia e Lecco.

«Dalla lentezza dei processi, agli abusi edilizi, passando per la criminalità organizzata in tutte le sue sfaccettature, molto spesso lì dove la città cerca di evolversi, problemi strutturali interrompono il tutto sul nascere» ha dichiarato Gianni Dominici, direttore generale di Forum Pa e curatore della ricerca.


Nessun commento:

Posta un commento